Alessio Bondì, NIVURU | Recensione

– di Clara Giacalone – Un Alessio Bondì sopraffatto da un amore che non gli lascia tregua, sensazioni forti che gli attanagliano il cuore nero, Nivuru, e che manifesta accarezzando una chitarra con membra impotenti. Un Alessio Bondì che si svuota e si consuma di passione, smania e brama, con la consapevolezza che è fatto così e non gli basterà mai. Un excursus di sentimenti per…

Campos, UMANI, VENTO E PIANTE | Recensione

– di Chiara Bravo – Già dal titolo, i Campos convocano gli estremi della loro poetica, gli stessi entro cui si sviluppa tutto il libro degli eventi del Mondo, l’umano e la natura. Spronata da un linguaggio terso, un’umanità fragile e storta si muove in paesaggi elettroacustici complessi, animando ballate kafkiane (Schiena di bue), folk boniveriani dai ritmi tribali (Qualcosa cambierà, Take me home) e impasti magistrali di rumori…

I Camillas. Un party multicolore in DISCOTECA ROCK | Recensione

_di Giuseppe Zibella. I Camillas aprono le porte della loro personalissima discoteca e vi invitano a incendiare la pista da ballo con un audace dj set lungo diciotto tracce. Un party allucinogeno multicolore, di accecanti luci al neon e colpi ben assestati di pop e synth wave, in quella che sarà la notte più lunga della vostra vita. Regola principale della folle serata è tenere…

Mimosa, carattere e stile in Hurrah | Recensione

_di Vincenzo Gentile. Secondo album edito La Tempesta Dischi per Mimosa, dal carattere forte e lo stile marcato. Hurrah è un disco bello: Mimosa è grintosa, vincente, dolce, sensibile, aggressiva. Seguita dalla guida artistica di Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti, che presta la sua voce al singolo Angeli, Mimosa si siede davanti al piano e comincia il suo viaggio. Suoni e melodie convincenti, elementi elettronici…

Blùmia, WILD TYPE: tradizione e innovazione in equilibrio | Recensione

_di Angelo Mattina.   L’equilibrio tra tradizione ed innovazione è tra le ambizioni più ardite che un artista possa prefissarsi. Riescono nell’impresa i Blùmia – al secolo Azzurra Buccoliero e Cristiano Meleleo – con il loro primo album Wilde Type. Dieci tracce di condensato electrosoul in cui il duo pugliese si avventura in un funambolismo in equilibrio tra scenari fatti di filtri vocali, synth e drum machine; ma…

Cos’è “Il ballo della vita”? Chi vogliono essere Måneskin? | Recensione

_ di Lucia Santarelli. Una leggera tenerezza nell’ascoltare “Il ballo della vita”, disco d’esordio dei Måneskin, in cui ci si perde tra la confusione di generi, di scelte linguistiche e artistiche: è la sfida tra la realtà e l’apparenza, nell’attesa di capire quale sia effettivamente l’identità di questa giovane band, illuminata dai flash, dalle luci di…