Mèsa. Touché | Recensione

Federica Messa, in arte MÈSA, torna ad un anno dall’omonimo EP d’esordio con il suo primo vero album, Touché. Undici brani che camminano su un filo (stretto) fra rock e sonorità alternative, attraverso un racconto dinamico e bilanciato (in questo aiuta tanto la produzione), in cui le parole supportano l’immediatezza dei suoni. Il tutto per un ascolto, passatemi il termine, sereno. A metà disco…

Barberini. Barberini | Recensione

Evitare di ritrovarsi incastrati nei versi di Barberini è difficile. E lo è ancora di più fare finta di non assomigliare ai personaggi distratti, con la sigaretta in bocca e altro per la testa, che animano queste ballate malinconiche. Che cosa abbiamo imparato in questi trent’anni nessuno lo sa, ma Barberini la domanda la pone lo stesso, raccontando un universo sentimentale in cui è…

The Sweet Life Society. Antique Beats | Recensione

Con Antique Beats i The Sweet Life Society si sono avviati verso un processo di mutamento interessante. Alle spalle, ma non del tutto (vedi Hard on o Switch on), troviamo quello swing danzereccio che tanto aveva attirato l’attenzione della critica negli anni passati, mentre oggi, rallentato il tempo, abbassate le tonalità, è più sul versante dub o drum&bass che il super gruppo torinese…

Katres. Araba Fenice | Recensione

Ironia e delicatezza, grinta e femminilità, in due parole, intelligenza e bellezza. È questo il disco di Katres, Araba Fenice (Giungla Dischi, 2018), il racconto in musica di una rinascita, che parte proprio dal punto in cui l’artista decide di rompere col passato (Ormai ho deciso) e col dolore che le ha procurato, senza mai dimenticarlo del tutto. Nove brani eleganti e…

The Shalalalas. Boom | Recensione

Boom è uno status, un modo di vedere le cose, un dipinto ad acquarelli delle miti giornate primaverili, un senso di serenità. Sono dieci canzoni fresche, gioiose e leggere, che, un po’ come nei precedenti lavori della band, a fine ascolto ti lasciano con un sorriso sulle labbra, con la sensazione di essere stato cullato dagli uptempo acustici, spinto a forza a muovere…

Federico Fabi. Io E Me X Sempre | Recensione

A volte non è soltanto la musica a rendere grandi le canzoni. A volte c’è bisogno di una strana convergenza fra attitudine e spontaneità che contribuisca a creare un’atmosfera particolare, che inevitabilmente finisce sul nastro. Ecco, quell’atmosfera Federico Fabi l’ha creata e l’ha messa tutta in questo Io E Me X Sempre. Per parlare di questo disco, non bisogna tanto fare un discorso musicale, quanto di contesto. Un…