Diluve – What the hell…!?!

What the Hell…!?!, esordio dei toscani Diluve, è un disco non originale ma sicuramente spontaneo e appassionato. Si tratta di un heavy metal classico con venature thrash che cerca di richiamare le sonorità sincere dei primi anni ’80. L’apertura è affidata alla strumentale “The king’s rising” che getta le basi del sound dell’intero lavoro, subito…

Il Matteo – Presunte attitudini

IlMatteo è un cantautore. Ahia. “Cantautore”, parolaccia che qui da noi assume una veste semantica scivolosa e da usare con cautela. No, non troverete in Presunte attitudini locomo­tive lanciate a bomba contro l’ingiustizia, né l’Italia viva del 12 dicembre o qualche maggio che ha fatto a meno del vostro coraggio. Bensì potreste trovarvi cumuli di…

Zerodiva – Creatività e schizofrenia

Gli Zerodiva nascono dall’incontro di tre musicisti già molto attivi nella scena rock romana: Aleks Ferrara (voce, basso, tastiere,loops) noto ai più per aver fatto parte delle liveband di Vitalij Kuprij, Kee Marcello e Pavic, Valerio Bulzoni (chitarra, tastiere) e Mark Madhoney (batteria, live sampling). Il loro cd di debutto è “Creatività e Schizofrenia”, titolo…

File Not Found – 404

Quello che avete tra le mani è un ottimo biglietto da visita di 15 minuti. 404, il primo demo della band romana File Not Found composta da Claudio, Leonardo, Christian e Marco, si presenta come un prodotto discreto, in cui il contenuto conta più della forma (cosa rara, al giorno d’oggi, soprattutto nel panorama Hard…

Luminal – Amatoriale Italia

Iniziamo a dire subito una cosa: l’ultimo disco dei Luminal è un disco pornografico. Ci sbatte in faccia pezzi di carne e umori senza neanche chiederci “scusa”. Già Amatoriale Italia, come nome, ci ricorda quei filmini scaricati da in­ternet nell’era pre-streaming, dove dovevi affidarti alla curiosità dei titoli sperando di esserne ripagato e di aver…

Fleurs du mal – Swinging Boat

I Fleurs du mal sono una di quelle poche band che con merito s’è guadagnata l’appellativo “underground”, grazie a quasi trent’anni di attività sulle spalle. E non solo va riconosciuto il merito di aver resistito alle intemperie di questi decenni, ma di aver mantenuto una coerenza e una credibilità ammirevoli, senza mai giungere a compromessi…