Karlheinz trascina l’anima con la techno-fusion dell’EP “Chams”

Karlheinz, il tuo nome d’arte, ci riporta al grande Stockhausen. È stato per te un’ispirazione? Come ti sei avvicinato alla musica elettronica? Sicuramente sì, dal momento che è stato uno dei padri fondatori nonché assiomatico avanguardista della musica elettronica; oltre a rappresentare un tributo a Stockhausen la scelta del mio nome d’arte racchiude al contempo…